bottone di chiusura

Tragica ricetta dell’Inps per lavorare (tutti) meno

Tragica ricetta dell’Inps per lavorare (tutti) meno
Appare ormai chiaro come il governo giallo-verde abbia tonalità sempre più tendenti al rosso. Lo conferma il fatto che il nuovo presidente dell’Inps, nominato dall’esecutivo, Pasquale Tridico, ha proposto una riduzione dell’orario di lavoro nella convinzione che questo creerà più impieghi. L’idea (semplicistica) è che il lavoro sia una quantità definita: una torta da ripartire un po’’tra tutti, così che se siamo in dodici invece che dieci dobbiamo, per forza di cose, tagliare fette sempre più piccole. Siamo tornati, insomma, a quel «lavorare meno, lavorare tutti» che era al centro della propaganda di Rifondazione comunista qualche lustro fa, con la differenza che oggi una rimodulazione dell’orario sarebbe imposta dallo sviluppo dell’automazione.

Tale luddismo, riformulato in chiave assistenzialistica, non coglie, però, che la capacità di produrre è legata soprattutto alle condizioni istituzionali in grado di aiutare chi vuole darsi da fare e di intraprendere. Se il lavoro fosse solo qualcosa da «suddividere» non potremmo capire Continua a leggere
img1img2img3img4img5

 

Leoni blog

Nois from amerika

Istituto Bruno Leoni

Fondazione Luigi Einaudi

Il portavoce

Cristoforo Cristofani

Tragica ricetta dell'Inps per lavorare (tutti) meno

Tragica ricetta dell'Inps per lavorare (tutti) meno
Appare ormai chiaro come il governo giallo-verde abbia tonalità sempre più tendenti al rosso. Lo conferma il fatto che il nuovo presidente dell'Inps, nominato dall'esecutivo, Pasquale Tridico, ha proposto una riduzione dell'orario di lavoro nella convinzione che questo creerà più impieghi. L'idea (semplicistica) è che il lavoro sia una quantità definita: una torta da ripartire un po''tra tutti, così che se siamo in dodici invece che dieci dobbiamo, per forza di cose, tagliare fette sempre più piccole. Siamo tornati, insomma, a quel «lavorare meno, lavorare tutti» che era al centro della propaganda di Rifondazione comunista qualche lustro fa, con la differenza che oggi una rimodulazione dell'orario sarebbe imposta dallo sviluppo dell'automazione.

Tale luddismo, riformulato in chiave assistenzialistica, non coglie, però, che la capacità di produrre è legata soprattutto alle condizioni istituzionali in grado di aiutare chi vuole darsi da fare e di intraprendere. Se il lavoro fosse solo qualcosa da «suddividere» non potremmo capire per quale ragione il Canton Ticino con circa 340mila abitanti sappia attirare ogni giorno più di 60mila frontalieri provenienti dalla Lombardia e dal Piemonte. In realtà, nella Svizzera italiana vi è un quadro fiscale e regolamentare che permette un'efficacia produttiva piuttosto alta e mantiene competitive le imprese locali, nonostante un costo del lavoro significativo. Il presidente dell'Inps, purtroppo, si muove in tutt'altra direzione, soprattutto se si considera che è arrivato a sostenere che la riduzione dell'orario di lavoro dovrebbe avvenire a parità di salario. Non si capisce, però, come le imprese potrebbero reggere la concorrenza pagando di più per avere lo stesso servizio.

In verità, questo governo e gli uomini che ha selezionato appaiono tutti dominati da visioni autoritarie, tecnocratiche, fondamentalmente collettiviste e deresponsabilizzanti. Un giorno qualcuno propone di fissare il prezzo del latte, il giorno dopo si vuole imporre la chiusura domenicale dei negozi e, infine, c'è ora chi intende stabilire quante ore dobbiamo lavorare. Non soltanto ciascuno crede di avere in tasca la ricetta per migliorare il mondo e si sente autorizzato a imporla, ma, oltre a ciò, non considera in alcun modo quelle che saranno le conseguenze certo nefaste di simili scelte davvero sconsiderate.

Carlo Lottieri - www.brunoleoni.it

http://www.brunoleoni.it/tragica-ricetta-dell-inps-per-lavorare-tutti-meno?fbclid=IwAR3Xj5o1YxNvssqE6Sf8cx2i516SS7VpxLka5U5SrGmw32PT8tXmZhvxFcQ

LIBERALI AL VENTO

Nel rimescolamento dei voti che avvertiamo (sbagliando?) in un prossimo avvenire, i liberali italiani di varia estrazione e collocamento (le sparse membra dell’unica potente ideologia indispensabile a capire e fronteggiare il mondo d’oggi, mentre gli....
Data 19/03/2019

La situazione si aggrava ma forse la fine della stagione populista si avvicina

Quando, verranno a maturazione gli esiti della manovra di bilancio di marca pentaleghista, si vedrà che non solo essi non generano crescita, al contrario di quanto sbandierato da chi l’ha realizzata, ma addirittura producono effetti pesantemente rece....
Data 05/03/2019

Ben oltre la violazi

È piuttosto difficile negare che i francesi siano campioni mondiali di antipatia, anche se, per espe....
Data 09/02/2019

Ci sono i liberali e

Ci sono tanti termini per designare chi crede nel libero mercato in ambito economico ed è progressis....
Data 11/01/2019

Se la politica la fa

Leggo un articolo pubblicato poco fa in cui un'anonimo scrittore attacca il governo per le sue pagli....
Data 15/12/2018

Il grande macigno

Il debito pubblico - o debito delle amministrazioni pubbliche - è rappresentato dall'esposizione di ....
Data 20/11/2018

SARÀ TEMPORALE OPPUR

È arrivato il temporale, chi sta bene e chi sta male, così cantava Rascel negli anni Cinquanta, era ....
Data 11/10/2018

LA SFIDA TRA LIBERAL

Ha ragione Antonio Martino quando, in una recente intervista, ha dichiarato che la sfida di oggi è l....
Data 30/08/2018

PROVA

AAAAAAAA
Data 30/08/2018

Neoliberismo in Ital

Corrado Griffa - www.econopoly.ilsole24ore.com
L’autore di questo post è Corrado Griffa, manager ....
Data 14/08/2018

Nati vecchi e morti

Flavio Pasotti, un imprenditore di Brescia di 58 anni, un ragazzo in confronto a me che di fatti lo ....
Data 08/07/2018

Perché Boldrin ha to

Recentemente il prof Boldrin, noto professore di economia e tra i Padri fondatori di FARE per fermar....
Data 05/07/2018

L’Eclisse della Soci

Arriva il momento in cui ci si accorge di quanto sia fragile e labile quello in cui si crede.
Ci....
Data 03/07/2018 (Ricevuto 1 commenti)

Il collante antifasc

Giovanni Cofrancesco - www.einaudiblog.it
Se si guarda anche in maniera superficiale a quali sian....
Data 17/06/2018